rimuzione dei tatuaggi
DEKA
RIMOZIONE DEI TATUAGGI
RIMOZIONE DEI TATUAGGI
RIMOZIONE DEI TATUAGGI
RIMOZIONE DEI TATUAGGI
RIMOZIONE DEI TATUAGGI
RIMOZIONE DEI TATUAGGI
RIMOZIONE DEI TATUAGGI
RIMOZIONE DEI TATUAGGI
RIMOZIONE DEI TATUAGGI
RIMOZIONE DEI TATUAGGI
RIMOZIONE DEI TATUAGGI
RIMOZIONE DEI TATUAGGI
RIMOZIONE DEI TATUAGGI
RIMOZIONE DEI TATUAGGI
RIMOZIONE DEI TATUAGGI
FullSizeRender (4)
FullSizeRender (3)
FullSizeRender (1)
FullSizeRender (2)
FullSizeRender
FullSizeRender (4)
FullSizeRender (1)
FullSizeRender (2)
FullSizeRender (3)

Sempre più spesso il pentimento del tatuaggio eseguito spinge i pazienti a ricorrere al medico per la loro rimozione. Il principale problema che si presentava solitamente in passato, per la rimozione di un tatuaggio, era rappresentato dalle cicatrici che lasciava sul corpo.

 

Le cicatrici permanenti, che i laser chirurgici o la dermoabrasione meccanica lasciavano in passato, hanno sempre rappresentato il limite per la rimozione dei tatuaggi. Questo problema è stato risolto dalla introduzione dell’ultima generazione dei  laser Q-switch; sistema espressamente progettato per la rimozione dei tatuaggi policromi e delle lesioni pigmentate benigne.

 

Questo nostro laser esclusivo (QS4 della ditta DEKA) è in grado di eliminare i tatuaggi senza esiti cicatriziali, e, grandissima novità, anche quelli colorati (limite dei precedenti laser QS). L’importante valutazione del medico sarà il tipo di colore, la profondità del deposito del pigmento e il tempo trascorso dalla attuazione.

 

Varie sedute sono necessarie; un tatuaggio esteso necessiterà di 6-8 sessioni (od anche di più), distanziate 1-2 mesi secondo il tipo di pigmento e reattività cutanea.
Le sedute non sono dolorose, si avverte una sensazione di fastidio, simile allo schiocco di un elastico sulla pelle.

 

L’indicazione principe del laser Q-switch è la rimozione dei tatuaggi, ma si possono inoltre trattare anche numerose lesioni pigmentate della cute quali :

lentigo benigne,macchie solari, efelidi, chiazze caffelatte, nevus spilus, cloasma epidermico, nevo di Becker,iperpigmentazioni post-infiammatorie e da farmaci: tutto eseguito ambulatorialmente senza anestesia

 

Prima del trattamento laser
Non bisogna esporsi al sole o a lampade, e sono da evitare i farmaci fotosensibilizzanti.

 

Dopo il trattamento
Lo sbiancamento del tatuaggio è segno della “lettura” del laser e nel giro di 6-10 giorni si ha la riparazione totale della cute delle lesioni lasciate dal trattamento.
Per favorire la riparazione è utile utilizzare una pomata specifica favorente il processo, e importantissimo, nel primo periodo, non esporsi ai raggi solari, o lampade abbronzanti; bisogna proteggere la pelle con filtri solari a schermo totale. In caso contrario vi è il rischio della comparsa di iperpigmentazioni.

 

Utilizzato da mani esperte, e se si seguono correttamente le indicazioni mediche per il pre e post trattamento, le complicanze sono praticamente assenti.

  • Tempo esecuzione: 60 min.

  • Intensità del dolore : fastidioso

  • Anestesia :no

  • Protocollo sedute:  6/8 sedute

  • Mantenimento: non richiesto

  • Periodo consigliato: autunno / inverno

  • Ripresa attività: immediata

  • Risultato visibile: a distanza di 90 giorni

  • Effetto: permanente