plexr
plexr

Il Plexr

è uno strumento totalmente wireless, è estremamente maneggevole, ergonomico e performante e nasce dalla necessità di intervenire su patologie dove risulta difficoltoso l’utilizzo di altri strumenti come il Laser o il Radiobisturi. Il Plexr utilizza il quarto stato della materia: il Plasma. I tessuti trattati “Sublimano” evitando così di comunicare alle zone circostanti quantità di calore indesiderate.

 

Ideale per

  • Liftare

  • Ringiovanire

  • Biostimolare

  • Rimodellare

 

Applicazioni

  • Blefaroplastica Lifting del viso e del corpo

  • Lifting della cute in eccesso radice arti superiori e addome

  • Onfalolifting

  • Trattamento risolutivo delle discromie della pelle

  • Trattamento delle strie distense periombelicali

  • Asportazione di fibromi, nevi, cheloidi, verruche, xantelasmi, discheratosi

  • Correzione di cicatrici post acneiche e non

  • Trattamento non farmacologico dell’acne, ecc.

 

Il trattamento con PLEXR richiede medicazioni specifiche da seguire rigorosamente per la corretta guarigione dei tessuti trattati.

  • La zona trattata deve essere lavata con acqua e sapone neutro (di Marsiglia)

  • La parte deve essere disinfettata 2 volte al giorno con disinfettante al benzalconio cloruro (Bialcol, Citrosil...) senza utilizzo di garze o cotone (con il polpastrello)

  • La zona trattata non deve essere coperta da cerotti (per evitare possibili macerazioni, sovrainfezioni o sensibilizzazioni)

  • Non applicare medicamenti o cosmetici ad eccezione di quelli prescritti dal medico

  • La crosta non deve assolutamente essere asportata (per evitare irregolarità o avvallamenti della cute): cadrà spontaneamente in pochi giorni

  • La zona trattata deve essere protetta dalle radiazioni UV (sole, lampade, monitor del computer, lampade al neon e fluorescenti...) mediante applicazione di fondotinta idoneo o altro prodotto prescritto dal medico; tale applicazione deve avvenire per tutto il tempo in cui permane un colorito rosato della zona trattata dopo la caduta della crosta (può persistere in alcuni soggetti anche per mesi).